Cerca
Close this search box.

Delibazione delle sentenze del Tribunale Ecclesiastico

Indice

Che cos’è e in cosa consiste la delibazione?

È il procedimento attraverso il quale viene attribuita efficacia giuridica nello Stato italiano alla sentenza pronunciata da un tribunale ecclesiastico.

La legge italiana ha ratificato l’Accordo raggiunto con la Chiesa cattolica nel febbraio 1984 che stabilisce che per ottenere la delibazione occorre presentare domanda (in forma congiunta da parte di entrambi i coniugi o anche da parte di uno solo di essi) alla Corte di appello competente per territorio che è quella che comprende nel suo distretto il comune nei cui registri fu trascritto il matrimonio.

Presupposti per la delibazione

La domanda dovrà soddisfare i seguenti requisiti:

  • dimostrare che nell’ordinamento canonico vi sono state due conformi pronunce di nullità secondo ciò che richiedono i processi canonici di nullità matrimoniale;
  • essere corredata dal decreto di esecutività rilasciato dal Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica che attesta che il provvedimento che ha dichiarato la nullità è esecutivo nell’ordinamento canonico.

Verifiche della Corte d’Appello

A sua volta la Corte di appello italiana dovrà:

  • accertare l’esistenza delle due sentenze conformi dei tribunali ecclesiastici e della esecutività rilasciata dal Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica;
  • accertare che il matrimonio dichiarato nulla dalle autorità ecclesiastiche fosse un matrimonio concordatario;
  • accertare che nel processo canonico alle parti sia stato assicurato il diritto di agire e di resistere in giudizio;
  • accertare anche che nell’ordinamento italiano non sia stata emessa una sentenza definitiva che contrasti con quella ecclesiastica di nullità e che non esista nell’ordinamento italiano un giudizio pendente tra le stesse parti che abbia ad oggetto la nullità del matrimonio, anche se per motivi diversi, e che sia iniziato prima che la sentenza canonica sia diventata definitiva; infine, che la sentenza ecclesiastica non contenga disposizioni contrarie all’ordine pubblico italiano.

Effetti della sentenza di delibazione

La sentenza italiana di delibazione della Corte di appello può anche stabilire provvedimenti economici provvisori a favore del coniuge in buona fede (ossia quello dei due che ignorava senza colpa la causa della nullità al momento della celebrazione) per un periodo non superiore ai tre anni: sarà poi il competente tribunale a decidere in via definitiva sui rapporti economici.